La tenebra per errare

lungo i margini del fiume

in me la schiuma

in me le stelle

in me le lande sconosciute

i limiti del tempo

che scuote il tempo

—-

in me un disegno

immagini scolpite nel fuoco

la pioggia che mi consuma

il cielo mi perdonerà

l’ombra mi dimenticherà

in me il sospiro

il sonno che dilaga

su di noi gli anelli di Saturno.

*Versi Giancarlo Nārāyaṇa Fattori e dipinto “Tutto è vanità” di Giancarlo Buscaini; il materiale pubblicato è stato ricevuto direttamente da Giancarlo Fattori; tutti i diritti riservati agli Autori.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.